Itinerario 2 - Bacino del Tenna

Tratto da " Pedalando pedalando... dal tenna al chienti un territorio da scoprire" a cura di Renzo Marilungo

 

Dalla rotonda alla SS 210 per Fermo-Amandola passando per il lungomare Faleriense, Santa Caterina, laghetto, lungofiume Bore di Tenna. Ritorno stesso itinerario fino al Km 23,8 poi per S.Marco alle Paludi, S.P., S.Tommaso.

 

 

Dislivello : 65m

Lunghezza : 32,5 Km

T.m. : 2h e 25min

Itinerario per la maggior parte brecciato non difficile ma impegantivo per la lunghezza.

 


 

Si tratta essenzialmente del prolungamento dell'itinerario n.1. Fino al punto indicato come "fosso delle Paludi", la fase di andata è identica; all'incrocio si devia sulla destra e dopo circa 1Km proprio in coincidenza di un bel laghetto utilizato per la pesca sportiva, si torna a costeggiare il fiume. Continuando lungo questa strada per altri 7Km circa si arriva all'incrocio con la SS 210; ora, chi volesse visitare anche l'altra sponda del fiume, potrebbe proseguire utilizzando per il ritorno la via Faleriense. E' una strada pianeggiante, molto scorrevole ma pericolosa per la densità del traffico.

Ritornando indietro, nel punto indicato come Km 23,8 (bivio prima del laghetto), deviare sulla destra per S.Marco alle Paludi. Proprio in prossimità dell'incrocio con la Strada Provinciale si trova l'Abazia omonima, un tempo chiamata anche di Rivocelli, per la quale è d'obbligo una sosta.

E' una bellissima Chiesetta; vari documenti storici ne fanno risalire il periodo di prima costruzione intorno all'anno 1000-1100, molto probabilmente sui ruderi di un precedente edificio paleocristiano.

Lasciata la Chiesa la fase di ritorno prosegue sulla Strada Provinciale; la si percorre fino all'alteza dell'ex ELF per deviare sulla sinistra verso la parte vecchia di S.Tommaso. All'incrocio con la SS 16 si devia ancora a sinistra e dopo circa 1Km, si riprende il bivio che porta al lungomare Faleriense (zona Bowling).