Itinerario 1 - Bacino del Tenna

Tratto da " Pedalando pedalando... dal tenna al chienti un territorio da scoprire" a cura di Renzo Marilungo

 

Dalla Rotonda alle paludi passando per il lungomare Faleriese, Santa Caterina.

Ritorno per la Zona Industriale delle Paludi, S.Tommaso.

 

Dislivello : 26km

Lunghezza: 18Km

T.m. : 1h e 20min

Itinerario per la maggior parte brecciato facile e accessibile a tutti.


Percorso il lungomare in direzione Sud e superato il camping "Le Mimose", di fronte alla piscina, si devia nel primo sottopasso della ferrovia per raggiungere la SS 16. Breve tratto su di essa e subito dopo il ponte sul fiume Tenna, si svolta a destra per una stradina brecciata che conduce nei pressi dell'autostrada. Al bivio si prosegue verso sinistra, e dopo il sottopasso dell'A14 a destra fino al Km 5,5.

Si può arrivare allo stesso punto facendo la variante verso il fiume (sotto il ponte della A14 c'è però la possibilità di trovare ripristinata la recinsione di protezione).

Dopo aver percorso un bel viale di pini di circa 100m, ci si ritrova di fronte ad un bosco.

A questo punto deviare sulla sinistra e superato, tramite un ponticello, il fosso delle Paludi, girare a destra da dove, costeggiando il bosco per un tratto sterrato di circa 200m si raggiungerà la stradina in prossimità della casa colonica (il bosco va tenuto strettamente a destra).

Ora l'itinerario prosegue senza difficoltà attraverso la bella campagna ed il lungofiume. Passando per Santa Caterina è d'obbligo una breve sosta per visitare la piccola Chiesina.

All'incrocio indicato come Km 10,8 (inizia la fase di ritorno) proseguire diritti verso la Strada Provinciale (S.P.) delle Paludi (per Fermo) che si imbocca sulla sinistra. Dopo circa 2Km, in prossimità della ex ELF, si lascia la S.P. per entrare nella parte vecchia di S.Tommaso (merita una breve visita) e proseguire quindi fino alla SS 16. Da questa si ritorna poi verso il Bowling ed il lungomare Faleriense. Alla Statale si può arrivare anche effettuando una piccola variante in prossimità del vecchio mulino.